Ciao, parliamo di Li-Po

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ciao, parliamo di Li-Po

Messaggio Da Mamma Orsa il Mer Dic 14, 2011 8:54 pm

da un sontuoso copia incolla da SAM:
Batterie, la guida definitiva.

leggendo e rileggendo molti interrogativi, sia nel tech center, sia nella sezione accessori ,mi son reso conto che c'era bisogno di una guida completa sulle batterie, da "stikkare"(mi si perdoni il neologismo) in entrambe le sezioni. troppe nozioni poco precise e molti luoghi comuni(spesso ne sento molte sui miracoli delle li-po che pian piano stanno spodestando anche s.gennaro), creando cosi' non poca confusione , specie per i niubbi che non hanno nessuna nozione ne esperienza a riguardo; pertanto mi prendero' la briga di spiegare i parametri fondamentali delle batterie in parole semplici, senza inutili tecnicismi ultradettagliati che potrebbero creare ancora piu' confusione rendendo cosi' la guida completamente inutile.
non ho ovviamente la presunzione di scrivere tutta la guida ion una sola volta, spero di completarla in 3-4 gg, in modo da utilizzare cosi' in modo costruttivo i miei ultimi giorni di ferie(sigh).
in seguito mi occupero di descrivere (sempre con parole non troppo complesse ed esempi esplicativi) le varie chimiche presenti oggi sul mercato, sua del softair che del modellismo dinamico, analizzandone i pregi ed i limiti(la batteria perfetta non è stata ancora inventata) e facendo una breve analisi dei formati disponibili e dei loro utilizzi nella nostri amati fucili.
terminero il "trattato" con il classico q&a finale e le conclusioni riassuntive di rito.
spero che la collettivita' possa gradire il mio lavoro.
qualsiasi suggerimento o eventuale segnalazione di imprecisione saranno accolte, quindi, se dovessi dire qualche baggianata ..bhe..fatevi sentire...

parte prima
caratteristiche generali.
ci sono diversi parametri che ci indicano le caratteristiche e le prestazioni che stiamo utilizzando,ma tra tutte , quelle che piu' ci interessano sono sostanzialmente tre:
-voltaggio-
-amperaggio-(o capacita')
-valore di scarica-(apesso chiamato "c")

il voltaggio:
il voltaggio è la misura espressa in volt (v nel si) che misura la differenza di potenziale tra anodo e catodo, in sintesi potremmo dire la"forza" con la quale gli elettroni "spingono" il nostro motore conseguenzialmente è il fattore primario che influisce sulla velocita' di rotazione, e quindi sulla raffica.
la differenza di potenziale elettrochimico espressa dalla batteria dipende appunto dalla chimica impiegata; attualmente per i tipi piu' usati varia da 1,2v delle ni-cd/mh a 3,7v delle li-po, quindi per poter aumentare la differenza di potenziale ed il voltaggio dobbiamo moltiplicare il valore fisso della differenza di potenziale per il numero di celle (o elementi ) che andiamo ad usare.
tipo di batteria----------- differenza di potenziale


ni -cd.....................................1,2v
ni- mh.....................................1,2v
li-ion.....................................3,6v
li-po.......................................3,7v
li-fe .......................................3,3v(nel formato a123, 3,2v in altri formati)

quindi per regolarci dobbiamo semplicemente moltiplicare il numero degli elementi messi in sequenza per il numero fisso della differenza di potenziale:
esempio: con 9(9x1,2) elementi ni-cd otteniamo un voltaggio di 10,8v, lo stesso che otteniamo con 3 elemntei li ion(3x3,6).
tutto questo , tradotto i soldoni, è il parametro che ci fa capire quanto la nostra batteria fara' girare velocemete il motore, considerando sempre lo stesso tipo di elemento e di chimica e la stessa meccanica va da se che una batteria da 12v da 10 elementi ni mh ci dara' una raffica piu' sostenuta che una 8,4 da 7 elementi dello stesso tipo.


l'amperaggio
l'amperaggio è in un accumulatore(batteria) la misura della carica massima della batteria, ovvero quanra corrente possiamo accumulare in essa, essendo l'ampere ora(ah) l'unita di misura dell' intensita' di corrente in rapporto al tempo, ci indica appunto quanto carica possiamo immagazzinare; nell' interesse del nostro amato sport ci indica l'autonomia che la nostra asg ha in termini di bb sparabili, per fare un esempio banale (a parita' di c e di meccanica) una batteria da 2000mah potra far girare il motore per maggior tempo rispetto ad una di 1000mah, e di conseguenza spare piu' pallini(virtualmente il doppio), l'amperaggio è un dato molto importante, non solo per l'autonomia ma anche per il valore di scarica continua(con valore espresso in a) che è importante per stabilire il siddetto "spunto" ovvero la reattivita' del motore al grilletto ed il funzionamentoin condizioni di climi particolarmente rigidi.
e' molto difficile stabilire quanti mah necessitano le batterie delle nostre asg, esistono molti fattori che dipendono dalla meccanica del modello e dal ruolo/utilizzo che si fa di quest'ultimo.
quando il motore sforza(per esempio a causa di una terna d'ingranaggi spessorata male) una batteria da 2000mah poterebbe avere un'autonomia inferiore a una di 1000, se si fa una recon pura potrebbero bastare solo i bb sparati al cronografo per la prova delle asg, se si fa un combat extended come mitragliere potrebbero non bastare 5000bb.
nella scelta delle batterie, quindi bisoigna valutare sempre con attenzione il paemametro dell' amperaggio, specie per il ruolo che si vuole ricoprire, in questa occasione voglio ricordare che l'eliminazione di quanti piu' attriti meccanici possibili , giova direttamente sull' assorbimento del motore,e di conseguenza sulla durata delle batterie.
oltre ad una spessorazione ben effettuata, per ri8durre gli attriti consiglio vivamente l'utilizzo di un motore che poggia su cuscinetti, boccole cuscinettate, molla non troppo dura ed un cilindro ad alta scorrevolezza, è necessario da ricordare pero' che nn si possono pretendere miracoli..non si possono sparare 4000bb con una batteria da 1200mah, indipendentemente dalle cure meccaniche atte a diminuire gli attriti.
come gia detto è impossibile stabilire con precisione quanti bb si sparano con determinati mah, ci sono troppe variabili .

il valore in "c":
con l'avvento delle batterie li-po che dichiarano sull' etichetta questo valore ,ormai èdiventato argomento di conversazione usuale tra i softgunner,come i motociclisti al bar....da "quanto fa la tua moto?" a "quanti c ha la tua batteria?"
bhe, per fare una spiegazione rapida e comprensibile il valora di c indic la quantita' di crica elettrica sprigionata dalle nottre celle, in termini pratici la "vivacita'" del fluso che arriva al nostro motore, ricordo che questo nn è un dato assoluto perchè dipende direttamente dal valore di mah della batteria, moltiplicando quesi valori avremo la risultante dell' intensita' della corrente che arrviva al motore(sempre cmq sottratta dall' impedenza dei cavi ovviamente)
quindi per sapere quanta "scarica continua" ha la batteria dobbiamo fare una semplice moltiplicazione:

valore in c x valore di ah = scarica espressa in a(ampere)

quindi la per parlare delle prestazioni delle nostre batterie sarebbe meglio discutere in termini di a e non di c....
facendo un 'esempio..se noi abbiamo una batteria da 10c ma di 2ah(2000mah) avemo una scarica continua di 20 a, una batteria di 15c ma di 1,2ah(1200ah) ava' una scarica di18 a,quindi inferiore pur avendo un vlore relativo di c superiore, per dovere d'informazione bisogna dire che la scarica, oltre ad influire direttamente sulla risposta al grilletto e sulla capacita' di far funzionare le nostre asg a basse temperature anche sulla raffica, tendezialmente a paita' di motore e i batteria si ha un incemento del rof(rate of fire)di circa 1bb/s superati i15 a e di un ulteriore bb/s superari i 25a, si tenga conto, tanto per essere pratici che tutti i motori presenti in commercio rggiungono lmassimo delleloro prestazioni con valori di scarica che vanno(a seconda dellamarca e delmodello) dai 25 ai 30a, pertanto da un punto di vista delle prestazioni pure di reattivita' e raffica(fatta ovviamente a parita' di voltaggio)valori superiori sono pressochè inutili.
fine parte prima.

Parte Seconda.
Generalita' della categoria Nichel e loro caratteristiche.
Le Batterie della siddetta "tecnologia nichel" sono accumultaori ad oggi considerati, ingiustamente a mio avviso, obsoleti, ma che mantengono dei punti di forza nonostante subiscano la concorrenza delle piu' leggere e compatte"batterie al Litio", pertanto mi dedichero' ad una attenta analisi di tali accumulatori, ancora attuali e prestanti in determinate situazioni....
Le batterie al Nichel (Ni-Cd o Ni-Mh) hanno la caratteristica comune di presentarsi sotto forma elementi cilindrici aventi diverse dimensioni, nel softair si sono usati 7 formati differenti, ma i piu' diffusi sono quattro, che ormai coprono ogni situazione di disponibilita' di spazio e di resa.
Prima di andare ad analizzare le caratteristiche specifiche sia delle Ni-cd che delle Ni-Mh(o batterie verdi) mi sembra doveroso riportare le dimensioni delle celle, in modo che l'utente possa farsi una rapida idea sul reale ingombro delle batterie e della conseguenziale compatibilita'con i vani delle proprie repliche.

ELEMENTI SC(SUB C, COMUNEMENTE DETTI"LARGE")
Sono stati gli elementi per eccellenza per il softair per anni, graze alle generose dimesioni e alla compatibilita' con i calci fissi delle repliche Marui, con le celle Ni-Mh di ulrima generezione si è arrivati ad una capacita di ben 5A(!).Modelli storici di tale formato sono stari gli eccellenti Race e Hi Capacity della giapponese Sanyo.
Linea Attuale: per quello che riguardale Ni-cd , bisogna sapere che sono gia fuori mercato ormai da tempo, ad ogni modo se si trovano dei rimasugli è bene orientarsi sulle Sanyo, siua il tipo Race che Hi Capacity sono ottime, ed hanno (se lasciate scaricare correttamente) un ciclo vitale pressoche' inesauribile, contrariamente a quanto si pup' pensare anche le economiche Firefox, comuni nei mercati dell' estremo oriente sono buoni prodotti,anche se leggermente inferiori alle Sanyo gia' citate. Per quello che riguarda le Ni-mh ci sono molti produttori, tra le migliori segnalo le Elite(comuni nei mercati statunitensi), arrivate a "quota" 5000mAh, le famose GP, modelli 3700 e 4200mAh, forse le migliori sul mercato, nei negozi di softair nostrani e rosmarinesi sono comuni le VP e le EP, buoni prodotti sotto tutti gli aspetti, tra le "vecchie" produzioni segnalo le G&P 3300 che si distinguono per la grande affidabilita' oltre che per essere proposte in configuarazioni particolari per essere adattate a vari tipi di calci, molto prestanti, ma a volte inaffidabili le Intellect, le famigerate Firefox supereconomiche, sono discrete, ma nulla di esaltante.

Dimensioni e pesi approssimativipossono esserci piccole variazioni da fabbricante a fabbricannte nell' ordine dine di +/- 1mm e di 10gr di peso.
DIAMETRO : 23 mm
LUNGHEZZA:43mm
PESO :60 grammi

ELEMENTI 4/5 SC(COMUNEMENTE DETTI "FLY")
Sono indubbiamente tra gli elementi piu' usati in assoluto poiche' hanno delle dimensioni piu' compatte delle loro "sorelle maggiori" SC pur mantenendo una buona capacita' e, in genere un ottimo spunto, sono di solito gli elementi degli "smanettoni" poiche' è possibile fare dei pacchi batteria da 9 elementi (10,8V) con un ingobro ugale a quello delle tradizionali 8,4 SC.
Le "celle azzurre" delle sanyo "for Flight"(dette cosi per il loro impiego areomodellistico) hanno fatto epoca e rimangono tutt'oggi delle buone batterie.
Linea Attuale:Essendo fouri dal mercato le Ni-cd blu dette "for flight" sono possibili da trovare solo come rimasugli di magazzino, ma nonostante siano considerate obsolete rimangono elementi eccellenti, pertanto se i 1600mAh di capacita' di carica vanno bene per i vostri scopi di gioco sono senza il minimo dubbio un ottimo acquisto, esistono della stessa chimica anche le "EXTRA" verdi della medesima marca, ma sono nettamente inferiori e non valgono la spesa. Per le Ni-Mh ci sono pochi prodotti ma, ma fortunatamente tutte di qualita' da molto buona a eccellente, Le migliori sul mercato sono le introvabili Panasonic, le migliori batterie 4/5 SC prodotte nella storia, Prodotti eccellenti sono anche le GP 2200 che consiglio vivamnente, allo stesso livello o quasi le VP , le EP e le Elite sempre da 2200mAh. Ci sono poi le Pacific 2200 sono un pelino inferiore alle citate, ma rimangono dei prodotti piu' che dignitosi.

DIMENSIONI:
DIAMETRO: 23mm
LUNGEZZA: 33mm
PESO : 45 grammi


ELEMENTI "AA"(COMUNEMENTE DETTI STILO)
Questi sono stati, in termini cronologici, gli ultimi elemrnti ad essere usati nella tecnologia Ni-Mh in ambito softairistico, dopo essere stati sfruttati per tutti gli scopi commerciali possibili..dalle fotocamere,ai telecomandi ecc., le batterie in questo formato create per piccola elettronica di consumo pero', inizialmente non avevano valori di C sufficienti per muovere a dovere le meccaniche delle ASG, col passare degli anni pero' i processi industriali hanno permesso di creare batterie AA molto performanti ed adatte anche ai nostri scopi anche se i produttori di tali celle sono pochi.
Sono celle particolarmente indicate per sfruttare vani batteria stretti ma alquanto lunghi, come ad esempio il paramano standard della serie Colt, il vano batteria dello Steyr AUG, o di alcuni calci fissi che non possono accolgliere i normali elementi large,a volte sono utilizzati nei dummy PEQ, date le loro dimensioni tuttosommato idonee.
Per dovere di cronaca bisogna dire che in passato si preferiva a questo formato il celebre 4/5A, chimata spesso dai softgunner "farfalla per steyr" se montata a nunchaka o batteria crane, se montata in 3 satelliti per gli omonimi calci, queste batterie sono piu' corte del 30% circa rispetto alle AA, ma nache il 20% piu' larghe.
Linea Attuale: Ni-Mh:sostanzialmente ci sono 3 brand che si possono reperire con una certa facilita' in rete e nei negozi, Intellect 2000mAh, Elite1700mAh, e VP 2000mAh, le Intellect le sconsiglio vivamente , dato che per loro costitizione interna, anche se performanti, le rende inaffidabili, e puntualmente si va a bruciare qualche elemento dopo pochi cicli di carica. le Elite sono ottime batterie che consiglio vivamente, pur trovsndosi solo negli states, infine quelle che ritengo le migliori del lotto, le VP comuni in molti negozi dello Stivale e S. Marino, batterie dalle prestazioni stratosferiche e, sopratutto affidabili.nella chimica NI-cd non sono mai state prodotte batterie di rilievo in questo formato.
Per quello che riguarda le 4/5 A sono superlative le G&P 2200, ottime anche le GP 2000 e le Varta(quelle verdi, rare a trovarsi).

DIMENSIONI:
LUNGHEZZA: 51mm
DIAMETRO: 14mm
PESO : 28gr.

FORMATO 2/3 A(COMUNEMENTE DETTO "MINI")
Questo formato è stao la croce e la delizia delle batterie da SA, all' inizio per questioni di limiti chimici del NI-Cd consentivano di immagazzinare pochi mAh e conseguenzialmente pessimi risultati in termini di durata e prestazioni, il piu' delle volte, i softgunner, disperati erano costretti ad usare tasche esterne(comuni all' epoca) per alloggiare batterie Large o fly sotto i paramano dei un M4, o per careza di denari(il risparmio era d'obbligo) si assicurava la batteria esterna con del volgare nastro isolate....bhe i vecchi come me ne avranno viste di tutti i colori, comwe large messe nel calcio colassabile di un MC51, e large assicurate al lato di un MP5K(la batteria piu' grande dell' arma!).Fortunatamente, da 5 anni a questa parte la situazione è nettamente cambiata, le celle mini non solo grazie alla tecnologia Ni-Mh raggiungono i 1600nAh di capacita', ma arrivano anche a sfiorare i 10C di scarica nei modelli migliori.
Linea attuale.
Le Ni-cd sono (fortunatamente) scomparse dal mercato e anche agli albori pur se caricate perfettamente no permettevano di sparare piu' di 700 pallini(con fucili Marui di serie), per tanto evitatele come la peste. se proprio siete dei Fan sfegatati di questa tecnologia potete cercare In terra Nipponica, con un bel po' di fortuna troverete elementi da 800mAh, ma il gioco , amio parere, non vale la candela.
Per quello che riguarda le Ni-Mh abbiamo una vasta scelta di elementi performanti, quelli che ritengo migliori in assoluto sono Firefox 1500 , GP 1300 e Elite 1500, batterie ottime, che non vi faranno rimpiangere le sorelle maggiori, seguono a ruota le VP e Le EP, di pochissimo inferiori a quelle citate ma degne di nota,Un discorso aparte meritano le Intellect 1600mAh, batterie prestanti, ma un po' delicate che vanno rigorosamente usate spesso per non autoscaricarsi definitivamente e rovinarsi, viceversa le G&P 1100 sono estremamente affidabili ma prestazionalmente superate(mantenendo comunque la decenza).

DIMENSIONI:
LUNGHEZZA: 28,5mm
DIAMETRO: circa 17mm
PESO: circa 20gr.

Caratteristiche delle Ni-cd

Le batterie Nichel -cadmio sono state le prime ricaricabili ad essere usate, in campo della elettronica di consumo potratile e del modellismo dinamico, e fino al periodo 2001-2002 le uniche batterie disponibili per le nostre amatissime repliche, dato l'impiego del cadmio(inquinante metallo pesante)la UE ne ha vietato l'importazione(e la produzione sul proprio suolo) a partire dal 1°luglio 2006, anche se la legge consente la vendita di tutti i rimasugli di magazzino, in altri paesi la produzione e l'utilizzo sono a ancora consentiti(Giappone, Cina, e penso anche USA), anche se francamente non so se comprare queste celle all' estero e farsele spedire in Italia sia cosentito dalla legge.
Al momento dell' update che sto scrivendo(11 2010) le Ni-cd sono quasi del tutto scomparse nei negozi italiani e sammarinesi, sia per l'utilizzo delle Ni.Mh, sia sopratutto per le nuove e preformanti Li-po, data la sfiducia storica nelle Ni.mhh di molti (che provvedero'in seguito a sfatare), alcuni sono passati direttamente dalle Ni-cd alle Li-po, senza passaggi intermedi.
Pur avendo un rapporto massa/mole elettroni relativamente basso(per avere capacita' degne di nota occorrono elementi di grandi dimensioni) queste celle hanno il grande vantaggio di poter avere un enorme numero di cicli carica-scarica(circa 1500), infati esistono ancora degli utenti che avendole caricarte correttamente gioca ancora con dei pacchi assemblati negli anni '90; ricordo inoltre che il loro peso puo' tornare utile se usato con ASG con il calcio fisso, con la classica Large o Fly potremo aiutarci a bilanciare l'arma e a rendere piu' realistico il peso, hanno un coeficente di autoscarica molto basso, e personalmente non ho avuto esperienza con pacchi danneggiati pur se lasciati inattivi per piu' di 3 anni senza mai caricarle!!
LA RICARICA:
Un tempo coi vecchi caricabatterie , la ricarica poteva essere pericolosa e inefficiente, pertanto i vecchi come me ricorderanno sveglie e timers che suonavano e telefonate disperate a casa dicendo a i genitori di staccare la spina per evitare esplosioni...oggi anche i caricabatteria piu' economici hanno la funzione Delta peak(una funzione che consente sempre la ricarica ottimale) e spesso la funzione di scarica per poter ciclare(v.in seguito)
Dato che le repliche cinesi riportano ancora caricabatterie rudimentali, è sempre opportuno sapere qual è il giusto tempo di ricarica per le batterie:
Per calcolare quanto tempo è necessario a ricaricare una batteria ricaricabile dovete usare questa semplice formula:
(mA della batteria : mAh forniti dal caricabatt.) * 1,4 = Tempo di ricarica in ore
Es.
Batteria da 1000mAh caricata a 100mA, (1000 : 100) * 1,4 = 14 ore
ricordate che alcuni caricabatteria devono essere impostati per il numero di celle da caricare, anche se i piu' hanno un riconoscimento automatico .
E' bene tenere a mente che pur se molto durature ed affidabili le Ni-cd soffrono dell effetto memoria(http://www.bccmp.com/mazzetti/pagine/memoria.html oppure cerca su wikipedia)peranto per preservarle sempre efficienti nel tempo ogni 3-4 cariche è opportuino scaricarle completamente (ma mai sotto i 0,8V per cella) prima della ricarica completa; qualora usaste uno scaricabatterie acquistato o artigianale, è sempre oppotuno un controllo col tester per non andare sotto questo parametro.
In sintesi:
PREGI:
-Elevato numero di cicli e di vita operativa-
-bassa resitenza interna, quindi buona scarica-
-ottima affidabilita' generale-

DIFETTI:
-Scarso valore nel rapporto volume/capacita'-
-necessita il ciclo per scongiurare l'effetto memoria-
-inquinanti e ormai uscite dai maggiori mercati-

Caratteristiche delle Ni-MH
Le batterie Nichel-metall idruro(dette anche batterie verdi, anche se questo termine è un po' arcaico) sono una naturale evoluzione nelle Ni-Cd, sono state messe in commercio per la prima volta nel mercato della elettronica dalla Panasonic alla fine degli anni'80, col duplice scopo di creare batterie meno inquinanti dal punto di vista ambientale(i metalli pesanti quali il Cadmio sono altamente inquinanti) ed con maggiore capacita' data l'enorme richiesta di autonomia delle nuove devices elettroniche (cellulari, palmari, portatili).
Dal punto di vista del SA( e del modellismo dinamico) le prime Ni-MH comparvero all' inizio degli anni 2000(2001-2002), ma bisogna dire che questi modelli erano tutt' altro che prestanti, pur avendo una capacita' del 30-40% superiore alle Ni-Cd avevano dei valori di C dammaticamente bassi, e conseguenzialmente risultati pratici inferiori ai pacchi che i softgunner usavano da anni.
Fortunatamente col passare degli anni i produttori di celle si decisero a produrre elementi specifici per modellismo dinamico riuscendo a toccare una capacita' del 100% superiore alle Ni-Cd e con un valore di C solo leggermente inferiore o addirittura ugali en alcuni modelli.
Come gia' esposto in precedenza oggi esistono degli elementi validissimi e prestanti in tutti i formati utili per il softair, fino a toccare valori di massa/energia tale da far concorrenza alle piu' recenti Li-po( si è arrivati a 5A nel formato SC e 1,6A nel formato 2/3A) e valori di scarica di tutto rispetto, inoltre le odierne batterie verdi hanno un elevato numero di cicli disponibile(500 nei migliori casi) e un' effetto memoria pressoche' inesistente.
Pur essendo mgliorate e degne SEMPRE di essere prese in considerazione per un pacco da mettere nell'ASG le Ni-Mh hanno anche i loro punti deboli, per prima cosa hanno i lunghi tempi di ricarica delle Ni.Cd, ma a differenza di queste ultime mal sopportano le ricariche rapide che possono influire drasticamente sul numero di cicli di carica; inoltre hanno una notevole autoscarica , pertanto gli elementi piu' piccoli vanno spesso caricati e ciclati di continuo per evitare che si scarichino completamente e le celle si danneggino.
Per concludere, nonostante le loro dimensioni ed il loro peso, nonchè la carica lenta, le batterie verdi non sono affatto obsolete, neanche se paragonate alle celle al Litio, poiche hanno una grande capacita', la possibilita' di avere pacchi ad hoc per la raffica che si vuoe raggiungere(le batterie al litio avendo differenza di potenziale molto elevata non possono farlo), una eccellente sicurezza generale, e se ben trattate una lunga vita operativa.

PREGI:
Elevata capacita'
Buona affidabilita' generale
Buoni valori di scarica(nei modelli recenti)
Lunga vita operativa( a patto di essere ben trattate)
Effetto memoria bassissimo, praticamente trascurabile

DIFETTI:
Carica lenta( e mal digerisce le veloci, al contrario delle NI-Cd)
Notevole autoscarica( fino al 40% mensile)
Dimensioni ed ingobri superiori alle batterie al Litio(solo in virtu' del fatto che debbono avere involucri metallici).


Caratteristiche generali delle celle al Litio
Le moderne celle al Litio sono state, sul finire del secolo scorso, una delle piu' importanti innovazioni per quello che riguarda l'elettronica di consumo,Le batterie a ioni di Litio(Li-Ion) le prime ad essere ideate e prodotte per questa categoria, sono state rivoluzionarie non solo per l'eccellente rapporto massa/volume/capacita', ma sopratutto per il fatto di poter essere ricaricate in tempi molto brevi, e sopratutto risolvendo definitivamente l'annoso problema dell' effetto memoria.
In linea di massima i punti salienti delle batterie al Litio sono:
Alta differenza di potenziale per ogni elemento (superiore ai 3V in tutte le tipologie)
Tempi di ricarica molto brevi(brevissimi per le Li-Fe)
Assenza di effetto memoria
Ottimo rapporto Volume-Capacita'.
Nel modellismo dinamico pero' le batterie Li-Ion hanno avuto scarso successo a causa del loro non elevatissimo valore di C(anche se ultimamete la scarica è andata leggermente aumentando) e dal fatto che la loro chimica interna, molto instabile, abbisogna comunque di solidi involucri metallici per prevenire incendi ed esplosioni in caso che la soluzione interna venga a contatto con l'aria,ed eventuali espansioni di volume, il tutto con l'aumeto delle prestazioni delle Ni-Mh ha relegato per molto tempo le batterie Li-ion a cellulari, laptop e portatili., con le batterie a Polimeri di litio, la situazione cambiera' radicalmente grazie al rapporto imbattibile peso/prestazioni, divenendo le regine incontrastate del modellismoi dinamico, e ad oggi le piu' usate anche nel nostro sport.
Infine Estremo interesse destano lre nuovissime Li-fe, che promettono prestazioni ritenute pura fantascienza fino a un lustro fa.
IMPORTANTE: per motivi commerciali(non vi è nessuna legge che impone di dichiarare il vero) molti produttori o importatori/"rimarchiatori" mettono in commercio battterie al litio dichiarando un valore di capacita' superiore a quello reale, se in brand prestigiosi la sovrastima è effimera(al massimo 10% nei peggiori casi) nei marchi piu' economici si puo' arrivare a sovrastime che superano del 30% i dati reali.

Caratteristiche delle Li-ion
Le batterie a Ioni di Litio sono le piu' "vecchie" della tecnologia al litio, e in prestazioni generali superate dalle piu' recenti Li-po e LFP, cionostante nell' impiego softairistico possono seere prese in considerazione per molti aspetti che le rendono perfette in determinate situazioni.
Attualmente i pacchi di tale chimica costuiti per il SA si presentano come elementi cilindrici di metallo, varianti per dimensioni da produttore a produttore, vige inoltre una gran confusione generale, poiche' molti produttori(o meglio, moltoi distributori e "rimarchiatori") dichiarano le proprie Li-ion come Li-po, pertanto, non essendo sempre possibile notare un involucro metallico, doibbiamo basarci su quanto dichiarato, ed in buona fede alle mie personali ed umili esperienze in merito.
IMPORTANTE: le li-ion hanno il sostanziale difetto di perdere capacita' col tempo e non solo con i cicli di carica, questo per un progressivo deterioreamento dovuto alla chimica interna, è da tenere a mente che questo pprocedimento è abbastanza lento e si puo' ulteriormwnte ritardare se le batterie dopo essere usate si ripongono in frigo(non in congelatore , mi raccomando), per fare un 'esempio che ho potuto misurare delle baterie che arrivatemi a casa erano capaci di circa 1100mAh, dopo 3 anni sono scese a 850mAh, e da precisare che in questo caso non ho riposto nel frigorifero le celle nei periodi di fermo.
Per motivi di praticita' di consultazione della guida nella sezione Li-ion prenderemo in analisi tutti i pacchi aventi elementi cilindrici, sia quelli dichiarati come Li-Ion che quelli dichoiarati come Li-po, dato che tuttosommato spesso i produttori sono sempre gli stessi e sono rimarchiate diversamente, solitamente appaiono in due configurazioni; a stick o "siluro" per essere alloggiate nel reciver superiore di AK e affinini con calcio abbattibile, oppure a "nunchaka" per poter essere alloggiate nel paramano di M4 , ZM LR300 e affini, raramente si possono trovare anche in versione di tre elementi sovrapposti longitudinalmente per essere usati in contenitori esterni quali falsi PEQ15 o similari.
Cosa offre il mercato odierno:
Per quanto riguarda i brand oggi sui vari mercati sia nella nostra terra che all' estero si trovano pochi modelli, fortunatamente, pur essendoci delle differenze non sono stati prodotti elementi da evitare assolutamente, per tanto vi consiglio di leggere poichè da possessore e amante di fucili della serie AK ho provato quasi tutto di quello che compare sugli scaffali.
Firefox li-ion 1300 mAh, 11,1v: sono tra le prime Li-ion comparse in assoluto per il softair, non iene dichiarato ne il valora di C e inoltre manca il cavetto per la ricarica bilanciata, non è un prodotto malvagio, ma lo ritengo superato.
Firefox li-ion1350mAh 12c 11,1V, come sopra, ma la nuova versione uscita nel 2008 con la classica grafica delbrand di targhetta dorata su involucro nero, questo modello pur costando qualcosa in meno del precedente il cavo per la ricarica bilanciata, nelle prove ha dimostrato circa 1150mAh reali, sui C mi sembra un po' piu' sovrastimata essendo effettivamente vicina ai 10C reali, in termini di ROF sono piu' lente di circa 1bb/sec delle coeve 11,1 12C Li-po della stessa marca.dimensioni: lunghezza 196mm diametro18mm(misura stick), esiste anche la versione a nunchacka

King Arms/HOTPOWER(stessi elementi) Li-po 1600 11,1 12Cono indubbiamente dei buoni elementi, hanno circa 1340mAh reali e un valoe di C che vista la raffica è sicuramente reale, cavi a bassa impedenza e, quello che piu' conta grande soddisfazione dei consumatori(non ho sentito di casi di modelli difettosi o problemi particolari,nonostante la considerevole diffusione), si trovano in molti negozi, italiani, rosmarinesi ed esteri a prezzi di rigorosa onesta'. In definitiva mi sento di consigliarle caldamente.
mi8sure: diametro18,5mm, lunghezza 198mm(misure tipo stick)

Magic Box Li-ion 1000mAh 12C 11,1 V Anch'esse presenti ormai da tempo sul mercato, sono le batterie li-ion piu' compatte in circolazione, in definitiva sono buon elementi per raffica e affidabilita', purtroppo la loro capacita' alquanto modesta ed il prezzo elevato la rendono poco competitiva se paragonata ad altre piuì agguerrite rivali, rimangono buoni prodotti per coloro che cercano compattezza e la possibilita' di avere li-ion assemblate in tutti i modi, stick, nunchaka e sovrapposte.

HOTPOWER Li-po 1700mAh 15c 7,4/11,1V: Sono gli elementi li_po piu' grandi e prestanti disponibili per il mercato softairistico hanno una capacita' reale di circa 1530mAh e cavi a bassa impedenza argentati, sono prestanti, durevoli ed affidabili, vivamente consigliate. esistono i tipi 2s(7,4V) e nunchaka.
ATTENZIONE!queste batterie nela conformazione stick sono lunghe 215mm, pertanto i possessori di AK sono avvisati, non entrano nel reciver superiore di AK marui O ICS senza modifica, sono perfette invece per VFC e cloni cinesi che ne condividono la configurazione del vano)

KONG POWER li_ion 1400mAh 15C 7,4/11,1V: sono le ultime nate in questa tecnologia, non le ho ancora provate, ma conoscendo la serieta' del produttore che conosco molto bene per le li-po mi sento di garantirne ad occhi chiusi le prestazioni e l'affidabilita', disponibili in stick e nunchaka, prezzi purtroppo salati.
PREGI E DIDETTI DELLE LI-ION:
Pregi:

Buona capacita'
brevi tempi di ricarica
prezzi accessibili(di solito piu' bassi delle li-po)
alto numero di cicli.
Buona robustezza grazie agli involucri metallici.

Difetti:
Perdita di capacita' nel tempo(difetto arginabile previa conservazione in frigo)
Involucro metallico (minore efficienza rispetto alle li-po che non lo hanno)
Scarica continua al massimo di 15C(comunqe sufficiente per il nostro sport)

CARATTERISTICHE GENERALI DELLE CELLE A POLIMERI DI LITIO(Li-Po):
Le Batterie Li-Po sono state indubbiamente una vera e propria rivoluzione ,specie per quello che riguarda il campo del modellismo dinamico e del softair, una serie di caratteristiche estremamente vantaggiose, quali un rapporto Massa/prestazioni che ha del"miracoloso" e totale asenza di involucri metallici(grazie ai reagenti interni in polimeri solidi, cosa che le differenzia dalle Li-Ion) che consente agli elementi si poter essere tagliati e sagomati nelle piu' disparate forme, tali da potersi virtualmente adattare ad ogni tipo di vano esistente, le Li-po, come tutte le altre celle della tecnologia al Litio hanno il pregio di avere brevi tempi di ricarica, inoltre l'impiego costante in ambito del modellismo dinamico ha portato ha una crescente evoluzione ddelle loro prestazione, infatti oggi possiamo trovare sul mercato produttori che possono certificare valori di scarica impressionanti, oltre i 40C continui reali(!).
Le batterie Li-Po hanno avuto in pochi aani un successo staordinario per questi motivi, non stupisce infatti che prima di fare capolini sul mercato la loro tecnologia era un'esclusiva militare sovietica top secret. Tutt' oggi escludento tecnologie solo futuribili e ancora allo stadio ipotetico/embrionale, le celle a Polimeri di litio sono quelle che (anche grazie all' assenza di involucri) hanno il piu' efficiente rapporto tra mole di elettroni/differenza di potenziale/peso specifico.
Pur essendo batterie straordinarie le Li-Po hanno anche difetti e limiti, pertanto discostandomi da quanto affermano molti sul forum(Li-po tutta la vita!, LI-po le batterie perfette, Li-Po miracolose..e altre centinaia di topic da titolo simile), non le consiglio in tutte le situazioni ed a tutti i giocatori, poichè come accennato nella guida, per un rendimento ottimale dobbiamo sempre considerare il nostro stile di gioco e le nostre esigenze.
Le batterie Li-Po sono ,se paragonate ad altri tipi di celle, solitamente delicate, il rischio maggiore rimane la perforazione, se le batterie in questione vengono accidentalmente o volutamente forate,i loro componenti ointerni vengono a contatto con l'ossigeno cominciando a fare fumo ed infine incendiarsi dopo qualche decina di secondi.
Le batterie Li-Po hanno la cavetterie e i contatti direttamente fissate nei reagenti, e non a poli esterni come avviene ad esempio nelle batterie al Nichel, questo vuol dire che se non trattate con la dovuta delicatezza i cavi pottrebbero facilmente staccarsi creando cortocircuiti,e cmq qualche difficolta' a rimetere i contatti dopo un eventuale distacco.
Infine le Batterie in questione soffrono piu' di tutte le altre chimiche i problema della carica minima, se usate al di sotto dei 2,8-2,9 V per cella quasi sicuramente si rovinano irmmediabilmente obbligandoci a disfarcene.Per scongiurare tale evenienza ci sono in commercio dei piccoli beeper che si usano collocandoli nei cavi bilanciatori, e che inizaiano a suonare qualora il voltaggio sia troppo basso.
Infine le Li-Po vanno caricate con caricabatteia adatti, con la famosa formula voltaggio/amperaggio costanti, in caso contrario si puo' andare incontro a incendi ed esplosioni, o se si molto fortunati alla semplice distruzione della propria batteria, c'è da dire in compenso che oggi anche i caricabatterie soecifici piu' economici sono sicuri, e il piu' delle volte effettuano anche la carica bilanciata.
Qindi le Li-Po sono si straordinarie, ma vanno trattare con le dovute attenzioni, pertanto a differnza di quanto avviene con le chimiche tradizionali, se usate come batterie di scorta, non dovrebbero essere cacciate dalla tasca del tattico o della mimetica come se fosse un blocco di marmo, ma a ccuratamente riposte in un contenitore protettivo, per evitare che rovi, o cadute su superfici appuntite le possano perforare o staccare i cavi, causando non poche grane, inoltre ricordate che visto che il Beeper è obbligatorio per evitare spacevoli sorprese prima illustratevi, pertanto considerate di aggiungerlo agli ingombri dello stesso pacco.
Inoltre, a differenza delle batterie al ni-XX l'alta differenza di potenziale non consente di creare pacchi con voltaggio intermedio tra i 7,4 e gli 11,1 o 14,8V, salvo l'utilizzo di potenziometrio di riduttori di tensione decisamente poco pratici.
Cosa offre oggi il mercato:
Da quando hano fatto la loro comparsa, l'introduzione delle li-Po nel mondo del SA è stata tutt' altro che graduale , In primis perchè i caricabatterie specifici ed essenziali per la giusta ricarica erano poco diffusi e piuttosto cari, e, per seconda cosa perchè non essendoci produttori e/o importatori di batterie specifiche per il SA esistevano solo pacchi da dimensioni utili a quelle del modellismo dinamico, ovvero le classiche "saponette" con dimensioni equivalenti a delle 7,2 o 8,4V nel formato ni-xx SC(v.sopra) e delle 8,4 nel formato mini, ed altre forme particolari per elicotteri e scafi radiocomandati non sempre compatibili con i vani delle nostre ASG, all'inizio del 2008 pero', i cinesi con le loro Firefox ed Element crearono il fmoso Pacco stick 11,1V 1200mAh 12C che aveva il gran pregio di essere sagomato per entrare nel tubo dei calci della serie Colt(Bushmaster, SOPMOD), nonchè la variante a 3 satelliti tanto apprezzata pensata per i calci Crane, da quel momento le vendite delle Li-po per softair schizzarono alle stelle e raggiunsero nel giro di un anno una salda egemonia sul mercato.
Attulmente essitono decine di marchi e sottomarchi, tra produttori , importatori e negozi, quasi sempre si tratta delle stesse celle prodotte in cina e rimarchiate da ogni singolo importatore , o addirittura dai singoli negozi.
In genere la qualita' dei pacchi dei grandi brand del modellismo dinamico(Thunder Power, Hyperion, Flight Power) sono nettamente superiori ai pacchi economici pensati per il SA( come i cinesi Firefox o Element) ed una durata nel tempo certamente superiore.
Rcordo per la cronaca che i parametri per giudicare la qualita' sono diversi,e non staro' ad elencarli tutti, ma la differenza principle che salta agli occhi tra elementi di alta qualita' ed elementi di qualita' standard è sopratutto la resa nellla frequenza ciclica, ovvero elementi di qualita' standard o bassa dopo 10-15 cicli di carica perdereanno gia' una parte dellla loro capacita', mentre elementi di qualita' inizieranno a perdere capacita' solo dopo alcune decine di cicli, inoltre queste ultime sono soggette molto piu' di rado al "puffing" cio' al rigonfiarsi degli elementi che rende deformate le batterie Li-Po.
Attualmente esistono solo due produttori che realizzano batterie sia per il modellismo dinamico che per il softair, trattasi della cinese Intellect e della taiwanese Kong Power.
Passo ora a commentare i brand piu' diffusi nei negozi nazionali ed esteri:

FIREFOX: Sono starte in assoluto le prime batterie con misure da softair, sono batterie economiche dai prezzi popolari, ovviamente la qualita' non è eccelsa, ma raggiunge, nei modeli piu' recenti la decenza.
Esiste una vastissima lineup che riesce a coprire tutte le situazioni di scomparti possibili, financo quello angustissimo dell' MP5K. I modelli della vecchia serie 12C li sconsiglioi perrche sono superati e tandono a calare di prestazioni abbastanza celermente, decisamente meglio i piu' recenti modelli a 20C. molti modelli della lineup sono oltremodo stimati per capacita' dichiarata.

KING ARMS: Comuni in molti retailers internazionali ed esteri, si condraddistinguono per la livrea nera ed il cablaggio in argento, anche qui si parla di batterie economiche(specie al' estero) con una gramde varieta' dei modelli, capaci di coprire la quasi totalita' delle situazioni, pur non essendo estremamente prestanti nei tagli piu' piccoli(15C max) hanno dimostrsato un' affidabilita' e una costanza di rendimento maggiori rispetto alle FIREFOX, in definitiva mi sento di consigliarle.

TOT Magicboxono state tra le prime batterie sagomate appositamente per il nostro sport, buona la qualita' ma prezzi decisamente salati e sovrastima purtroppo molto elevata(basti pensare che il modello dichiarato 2000mAh ha fatto registrare solo 1400 effettivi), restano in definitiva delle batterie superiori ai modelli supereconomici, ma vanno comprate "ai saldi".
Da segnalare che alcuni modelli della seconda serie con cavetterie in argento sono risultati difettosi.

AB By Mazzini: Batterie importate in Italia da chi ha una lunga esperienza nel campo, presenti nella quasi totalita' dei negozi dello Stivale, buone prestazioni, eccellente l'affidabilita', specie per il fatto che la presenza del importatore in Italia è una garanzia in caso di modelli difettosi, peccato per i prezzi che sono un po' elevati.Consigliate.

INTELLECT (IP): è uno dei pochi produttori reali che produce batterie sia per il radiomodellismo che per il SA, si trata di prodotti ottimi sotto ogni punto di vista e dotati di elevata scarica realee di una notevole lineup che sia adatta alle piu' disparate evenienze, è uno dei pochi produttori che realizza stick ultrasottili in grado di entrare in un MP5K, oltre che stick estremamente performanti sia per i tubi Colt che per i vani AK(assemblaggio VFC), sono tra i prodotti migliori che il denaro possa comprare.
I prezzi in Italia sono piuttosto elevati, all' estero invece sono molto piu' accessibili e treamite acquisti di gruppo è possibile fare ottimi affari, Vivamente consigliate e approvate su tutta la linea.

Kong Power:altro produttore che usa il Know-how acquisito in campo RC nel softair, sono indubbiamente ai vertici qualitativi nel mercato mondiale, con una lineup dedicata specificamente per il softair che comprende mini, large, 3 pezzi e Li-ion.
Praticamente assenti in Italia i prezzi sono molto elevati, ma la qualita' è elevatissima, dedicate a chi vle investire in prodotti affidabili e prestanti.

Pregi e difetti delle Li-Po

PREGI:
Imbattibile rapporto, massa /volume/voltaggio
Altissima capacita'
Brevi tempi di ricarica
Alti valori di scarica.
possibilita di sagomatura e dimesnsioni pressochè infinita.

DIFETTI:
Delicate e potenzialmente pericolose in caso di foratira o di distaccamento cablaggio
Minor cicli effettivi rispetto ad altre tecnologie(Ni-cd, Li Ion, Li-fe)
tendenza a perdere capacita' col susseguirsi dei cicli marcata(meno in modelli di elevata qualita')
L'alta differenza di potenziale non permette una modularita' facile del voltaggio.




Le Batterie Litio-Ferro-Fosfato dette anche LFP o dai softgunners Li-Fe


Sono le ultime batterie della tecnologia Litio ad essere introdotte sul mercato e destano molto interesse per alcune peculiari caratteristiche che potrebbero far si che diventino le celle del futuro in quasi tutti campi, dall' elettronica di consumo all' autotrazione, fino ad impieghi come il softair.
da un punto di vista strettamente chimico le celle in questione sono una evoluzione delle Li-Ion atta ad aumentarne il livello di sicurezza, diminuire l'impatto ambientale, aumentarne i cicli di ricarica e diminuire i costi di produzione.
Gli obbiettivi che gli sviluppatori si sono proposti sono stati tutti raggiunti, a discapito pero' di aòcune caratteristiche che rendono queste batterie inferiori per altri versi, come minor rapporto massa/mole di elettroni ( a parita' di volume hanno una capacita del 20% inferiore alla Li-Ion e del 35-40% inferiore alle Li-Po)e una minore differenza di potenziale(3,2-3,3 V).
Allo stadio attuale ci sono solo pochi produttori che hanno acquistato i brevetti e sono il consorzio A123 che produce queste batterie contenute in solidi cilindri metallici, la Aleees (che produce batterie per la Madbull noto marchio di accessoristica per il SA) e la Phostec.
I produto ri citati producono le celle con la variaziano di alcunini materiali aggiunti ad anodo e catodo, per questi motivi alcuni come la A123 hanno una differenza di potenziale ai poli di 3,3V altre coem quelle della Alees di 3,2V, data l'esigua differenza non ci sono problemi per la ricarica, dato che i caricabatterie idonei sono settati a volte sui 3,2V alcune volte a 3,3V, ma come dicevo data la differenza piccolissima nn si incorre in problemi di sovraccarica.
Eccetto le ottimw A123 che hanno un formato cilindrico che richiama le Ni-xx, le alre batterie possono essere prodotte in panetti come le Li-Po.

Cosa offre oggi il mercato:
Le batterie della A123 sono state le prime a fare ingresso nel mondo del modellismo dinamico per sostituire le batterie a nichel, e come queste ultime presentano un involucro metallico, che abbinato aal chimica interna molto piu' stabile delle Li-Ion e delle Li-po le rende le batterie piu' sicure al mondo.
In ambito modellistico agonistico sono state rimpiazzate dalle li-po che avendo un rapporto peso/potenza superiore sono molto piu' indicate per le competizioni, cionostante i brevissimi tempi di ricarica(10C meno di 15 minuti per poter essere ricaricate) ed il numero quasi infinito di cicli ne fanno ancora un ottima batteria da allenamento, In ambito softairistico questi elementi cilindrici sono poco compatibili con i vani e non si vendono dei pacchi specifici, pertanto bisogna assemblarli, le Batterie di maltri produttori hanno invece la sagomatura libera(come le Li-Po) e per tanto, virtualmente potrebbero essere conformate a piacimento, ma rispetto alle batterie della A123 hanno in genere valori di scaric inferiori.

Elementi LFP A123 Racing 3,3V 1100 mAh 20C

Lunghezza:65mm
Diametro:19mm
Peso: 39 grammi

Elementi LFPA123 Racing 3,3V 2300 mah 30C
Lunghezza 65,15mm
Diametro :circa 26mm
Peso: 70grammi.


Oltre le marche citate attualmente in diversi retailers internazionali sono comparse altre batterie dichiarate come LFP con tagli a stick e farfalla specifici per il softair, al momento di pubblicare la guida non si ho effettuato ancora test ,faro aggiornamente tra qulche mese.

PREGI E DIFETTI delle Li-Fe

PREGI:
Chimica stabile e sicura, nessuna esplosione o incendio anche se forate.
Oltre 2000 cicli di carica, ma la cosa piu' importante e' che nn ci sono variazioni di capacita' a 200 cicli.
Rapidissimi tempi di ricarica, le A123 possono essere ricaricate in 15 minuti.
Buoni valori di scarica
Economiche da produrre e ecologiche per l'ambiente.

DIFETTI:
Differenza di potenziale inferiore alle Li_po/ion(3,3 contro 3,6-3,7V)
Capacita' inferiore alle Li-Po del 40% alle li Ion del 20-25%


parte terza f.a.q. e suggerimenti

Nel corso della mia esperienza come softgunner e edattore di SAM ho sentito molte dicerie sulle batterie, alcune sono delle leggende metropolitane, altre sono piu' o meno vere, faccio un'analisi delle piu' note...

1)Le Batterie Ni-Mh hanno tutte bassi valori di C e si bloccano col freddo...
FALSO, è vero solo in parte per le batterie mini che avendo valori di C e di capacita' modesti per via delle dimensioni possono andare in crisi con le basse temperature, elementi piu' grandi come Fly e SC possono dare le stesse prestazioni di altre chimiche.

2)Le Li-Po hanno un rapporto peso-prestazioni imbattibile.
VERO alta capacita' e alta differenza di potenziale permettono di avere batterie piccole e leggere ma molto prestanti, ciononostante non sono prive da difetti.

3)Le batterie al Nichel sono superate e non devono essere prese piu' in considerazione:
FALSO, Le batterie al Nichel pur con i loro limiti sono affidabili e sicure, possono essere trattate spartanamente, e solitamente durano molto nel tempo. non sottovalutatele per il fatto che siano pesanti, iun alcune configurazioni il peso puo' aiutarci a bilanciare l'ASG.
Inoltre data la bassa differenza di potenziale e la facilita' di assemblaggio possiamo facilmete preparare dei pacchi custom adatti al ROF che vogliamo raggiungere.

4)Con una Li-Po 7,4 3000mAh 30C posso avere lo stesso ROF di una Ni-Mh 9,6:
FALSISSIMO, con una li-po 7,4 "dai grandi numeri" in termini di rof possiamo ottenere valori paragonabili a una buona 8,4 mini Ni-mh, nessuna batteria 7,4 puo' eguagliare una 8,4 Large "seria", perchè come gia spiegato oltre i 35A di scarica il motore raggiunge gia' le massime prestazioni, figurarsi una 9,6V

5)La qualita' delle Li-Po è tutta ugale, tanto le fanno tutte in Cina:
FALSO, le batterie di qualita', specie se prodotte per il radiomodellismo devono avere delle caratteristiche particolari e una buona tenuta nel tempo delle prestazioni, pertanto non aspettatevi che le batterie prese dalla baia ad una manciata di spiccioli possano essere meglio di una Flight power da competizione, e non parlo in termini di ROF, ma di durata delle prestazioni nel tempo.

6)Le batterie Li-Fe saranno il futuro anche nel softair.
Vero a meta', batterie economiche, ricaricabili in pochissimo tempo e con un ciclo di vita pressochè infinito fanno certamente gola, ma gli "smanettoni" rimarranno fedeli al xxx Li-Po grazie al loro miglior rapporto peso-potenza.

7) Le batterie Li-Po sono pericolose:
Vero a meta', sono pericolose se non trattate con delle semplici precauzioni che ne impediscano la perforazione e il distacco dei cavi, piu' che pericoloso sarebbe piu' opportuno dire che sono un Po' delicate,e a mio avviso, non adatte ai "rozzi".

LA VERSIONE BETA DELLA GUIDA E' ULTIMATA, MI ERO RIPROMESSO DI FARLO ENTRO LA FINE DEL 2010...BHE... CE L'HO FATTA, NEI MESI PROSSIMI CI SARANNO DEI PICCOLI AGGIORNAMENTI, PREGO TEX ZEN DI STIKKARE LA GUIDA.
BUON 2011 E BUONE BATTERIE A TUTTI!
avatar
Mamma Orsa
VICE-PRESIDENTE
VICE-PRESIDENTE

Club d Appartenenza: : smoking barrels
Numero di messaggi : 1248
Località : Poggio dei Peni
Data d'iscrizione : 05.02.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ciao, parliamo di Li-Po

Messaggio Da Arrotigò il Mer Dic 14, 2011 9:40 pm

Proprio sontuosissimo, di proporzioni immani... lo leggo con calma ma... BRAVISSIMO Cereu!!!!!!!!!!!!!!!! Sono certo che sarà utilissimo! Smile

Arrotigò
SEGRETARIO
SEGRETARIO

Club d Appartenenza: : Smoking Barrels
Numero di messaggi : 1588
Località : Cagliari
Data d'iscrizione : 28.02.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ciao, parliamo di Li-Po

Messaggio Da Arrotigò il Mer Dic 14, 2011 9:43 pm

Ricopio subito, in sintesi, la parte su i pregi vs i difetti delle LiPo:
PREGI:
Imbattibile rapporto, massa /volume/voltaggio
Altissima capacita'
Brevi tempi di ricarica
Alti valori di scarica.
possibilita di sagomatura e dimesnsioni pressochè infinita.

DIFETTI:
Delicate e potenzialmente pericolose in caso di foratira o di distaccamento cablaggio
Minor cicli effettivi rispetto ad altre tecnologie(Ni-cd, Li Ion, Li-fe)
tendenza a perdere capacita' col susseguirsi dei cicli marcata(meno in modelli di elevata qualita')
L'alta differenza di potenziale non permette una modularita' facile del voltaggio.

I difetti non sembrano essere molto interessanti per il nostro uso...

Arrotigò
SEGRETARIO
SEGRETARIO

Club d Appartenenza: : Smoking Barrels
Numero di messaggi : 1588
Località : Cagliari
Data d'iscrizione : 28.02.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ciao, parliamo di Li-Po

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum